Roberta Torre (Milano, 1962) dopo gli studi di filosofia, si diploma alla Scuola di Cinema di Milano con il cortometraggio Cronica, accolto da vari festival in Italia e all'estero. Nel 1990 il documentario Tempo da buttare ottiene il premio per la migliore realizzazione visiva al Fringe Festival di Edimburgo. Si trasferisce a Palermo e realizza cortometraggi in video e pellicola che vengono presentati e premiati dai maggiori festival italiani e stranieri. Insieme ad altri autori inizia a promuovere e coordinare progetti collettivi con la sigla Anonimi&Indipendenti. Del 1997 è il suo primo lungometraggio, Tano da morire, seguito da Sud Side Stori nel 2000. I suoi lavori sono stati trasmessi da emittenti televisive nazionali ed estere (RAI3, TELE+, CHANNEL FOUR, SBS).


FILMOGRAFIA


Milano (1987, cm)

Il manuale (1988, cm)

Cronica (1988, cm)

Tempo da buttare
(1991, cm)

Zia Enza è in partenza
(1992, cm)

Hanna Schygulla
(1992, cm)

Femmine folli (1993, cm)

Il teatro è una bestia nera
(1993, cm)




Sentire (in Sensi unici, 1993, cm) 

Angelesse (1994, cm)

Le anime corte (1994, cm)

Senti, amor mio? (1995, cm)

Il cielo sotto Palermo (1995, cm)

Angeli con la faccia storta (1995, cm)

Spioni (1995, cm)

Appunti per un film su Tano (1995, cm)

Verginella (1995, cm)

Ecuba (1996, cm)

La vita a volo D'Angelo (1996, cm)

Tano da morire (1997; lm)

Sud Side Stori (2000, lm)

La critica

visita il sito ufficiale di Roberta Torre